Asilo Nido, il welfare sin dall’inizio

E.BI.PRO. stanzia le risorse destinate alla misura. Gli uffici della CADIPROF provvedono alla lavorazione delle domande. Il lavoratore dipendente presso uno studio professionale iscritto alla bilateralità, con uno o più figli in età prescolare, può ottenere per due annualità un rimborso pari al 20% (max € 600) della spesa sostenuta per la frequenza del minore ai nidi d’infanzia (non scuola materna).

Nel 2022, a fronte di 1.867 pratiche accolte, sono stati erogati 822.333,00 euro: significa che ogni richiedente ha mediamente ricevuto € 440 di ristoro.

 

Nel caso in cui il dipendente abbia ricevuto per la medesima spesa un’indennità da parte di altri istituti (ad es. Bonus INPS asilo nido), sarà sua cura calcolare e dichiarare in fase di presentazione della domanda, la parte rimasta a proprio carico sulla quale richiede l’intervento degli Enti. In aggiunta ai documenti istruttori previsti dal Regolamento Asili Nido, il lavoratore dovrà anche trasmettere il documento attestante il sostegno già riscosso. Per trasmettere la domanda secondo le procedure operative previste (vedi sez. Richiesta rimborso sul sito www.cadiprof.it), gli iscritti hanno 24 mesi di tempo dalla data di spesa riportata in ricevuta/fattura.

 

Condividi:






News correlate

Contratto di Reimpiego, il CCNL lo conferma ed E.BI.PRO. lo incentiva.
Prestazioni

Contratto di Reimpiego, il CCNL lo conferma ed E.BI.PRO. lo incentiva.

Tra gli elementi di flessibilità che contraddistinguono il Contratto Collettivo ...

IMMAGINE ARTICOLO PERMESSI STUDIO
Prestazioni

Da Gennaio riparte la garanzia “Permessi studio”

Il diritto allo studio dei lavoratori trova il suo fondamento ...